Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi

Gerano - LA CASA DELLE SCATOLE DI LATTA

Gerano - LA CASA DELLE SCATOLE DI LATTA

https://www.locandadelleginestre.it/immagini_pagine/16-02-2018/1518797175-156-.jpg

Oltre 1000 scatole tutte italiane, prodotte tra il 1890 e il 1950
Il Museo delle Antiche Scatole di Latta, meglio conosciuto come Casa delle Scatole, è l’unico museo italiano dedicato a questo tema di rievocazione storica, con una collezione di oltre 1000 scatole di latta tutte italiane prodotte tra il 1890 e il 1950.
Il museo, che si configura come mostra permanente, nasce dalla collezione privata di Marina Durand de la Penne, aperta al pubblico nel novembre del 2000 presso Gerano con l’intento di conservare, promuovere e valorizzare il patrimonio culturale custodito in questi semplici oggetti d’epoca di uso quotidiano.
Il visitatore oltre ad ammirare il pregio dei prodotti esposti, può immergersi nei ricordi e intraprendere un nostalgico cammino in un’Italia d’altri tempi, ripercorrendo la storia nazionale attraverso le affascinanti raffigurazioni presenti sulle scatole.
SEZIONE MUSEALE
La sezione museale, ospitata in una abitazione del centro storico di Gerano convertita in spazio espositivo su iniziativa della stessa proprietaria della collezione, espone cronologicamente oltre 1000 scatole che contenevano prevalentemente prodotti dolciari quali biscotti, cioccolato, caramelle e cacao: dalle prime realizzate sul finire dell’Ottocento in piena industrializzazione, passando poi attraverso monarchia, fascismo, campagna d’Africa, guerra e dopoguerra fino al boom economico.

Tra i pezzi esposti spicca una confezione datata 11 marzo 1929 e firmata da Gabriele d’Annunzio che riporta un particolare apprezzamento del poeta verso il prodotto in questione, biscotti a suo dire migliori di alcuni famosi concorrenti inglesi.
I cambiamenti storici, le tendenze artistiche e le mode che si sono succedute nel nostro paese sono raccontate attraverso questi contenitori alimentari, che rivelano anche l’evoluzione della grafica e della pubblicità.
L’ambientazione delle sale, su un unico livello, riprende quella di un vecchio negozio di inizio secolo, con postazioni che approfondiscono tematiche come i Reali di Savoia, l’Anno Santo, gli Illustratori, incrociando inevitabilmente alcune storiche ditte italiane come la Talmone e la Unica.
ACCESSIBILITÀ
Il museo è accessibile a persone con disabilità motorie, tuttavia la collocazione nel centro storico del paese non permette di raggiungere facilmente l’ingresso.
Il museo è accessibile a persone con disabilità visive (ipovedenti o non vedenti) che attraverso la manipolazione possono percepire forma, dimensioni e raffigurazioni in rilievo delle scatole.